Come fare un prato inglese

Come fare un prato inglese DIYTOOLS.IT

Scopriamo insieme come realizzare un prato all’inglese.

A chi almeno una volta nella vita non è capitato di imbattersi in un bel prato rigoglioso? Non tutti però sanno che per realizzare un prato rigoglioso bisogna fare degli specifici passaggi. In quest’articolo andremo a vedere insieme come realizzare un prato inglese in modo pratico e veloce, che duri a lungo nel tempo e soprattutto che non richieda particolare manutenzione.

Di cosa avremo bisogno per realizzare il prato inglese?

Prima di procedere con la realizzazione del prato inglese vero e proprio avremo bisogno di tenere a portata di mano alcuni strumenti che ci permetteranno di realizzarlo in modo pratico e veloce. Andiamo a vedere insieme di cosa avremo bisogno.

Una volta che avremo tutto il materiale necessario, potremo procedere con la realizzazione del prato all’inglese.

Potrebbe interessarti anche: Quale Decespugliatore Acquistare?

In quest’articolo:

1. Preparazione del terreno in cui seminare il prato all’inglese.

La prima fase per una corretta realizzazione di un prato all’inglese è la preparazione del terreno. Questa fase è una delle più importanti, infatti, una corretta preparazione del terreno consentirà di far germinare correttamente il seme per prato inglese. Per procedere con la preparazione del terreno bisognerà eliminare ogni traccia di erbacce, radici e quant’altro. A questo punto si potrà procedere con il zappare attentamente tutte le zone in cui seminare. Zappare il terreno consentirà di rendere la terra più morbida e di conseguenza permetterà al seme di scendere in profondità.

2. Installazione sistema di irrigazione.

Il secondo passaggio è l’installazione del sistema di irrigazione. Per installare tale sistema bisogna realizzare innanzitutto uno schema del terreno, così da facilitare la successiva messa in posa del sistema scelto. Sul web sono disponibili molti modelli differenti di sistemi di irrigazione, io ti consiglio l’acquisto del sistema Emooqi. Una volta realizzati i solchi nel terreno non bisogna fare altro che posizionare correttamente gli idranti e i tubi che dal terreno dovranno raggiungere il rubinetto esterno.

3. Semina del prato all’inglese.

Dopo aver posto correttamente l’impianto d’irrigazione, si potrà finalmente passare alla semina del prato vero e proprio. Anche in questo caso, sul web sono presenti vari modelli e marchi di semi per prato all’inglese, io ti consiglio l’acquisto del prato all’inglese della Sport Aktiv. Si tratta di un prato all’inglese particolarmente resistente, studiato appositamente per i campetti da calcio, che si adatta molto bene ad un uso privato come ad esempio all’interno del proprio giardino. Una volta acquistato uno o più sacchi di semi secondo le proprie esigenze, non dovrai fare altro che prendere e spargere i semi a ventaglio con l’ausilio delle mani e poi del rastrello su tutto il terreno stando particolarmente attenti a ricoprire ogni spazio così da consentire al prato di crescere in tutto il giardino senza lasciare zolle di terreno vuote.

4. Manutenzione del prato all’inglese.

A questo punto il grosso del lavoro è stato svolto, ora, infatti, non resta altro da fare che prendersi cura del proprio prato annaffiandolo regolarmente e per un tempo determinato così da non soffocare i semi e da consentire al prato stesso di crescere rigoglioso. La manutenzione del prato all’inglese non richiede particolari competenze, infatti, basterà tagliare il prato una volta alla settimana così da fortificarlo e renderlo più fitto. Nel caso in cui si dovessero presentare delle zone in cui non è presente il prato all’inglese basterà aggiungere dei semi e aspettare che cresca il nuovo prato.

Potrebbe interessarti anche: Barbecue Quale Scegliere

E tu hai mai realizzato un prato nel tuo giardino?

Che bello il prato inglese! Le spaparanzate al sole, le partite col pallone e soprattutto le grigliate con gli amici! Raccontaci nei commenti l’ultima volta che ti ci sei sdraiato sopra e via con la super ronfata! Ciao, ci vediamo al prossimo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda le Categorie